mercoledì 19 giugno 2019

MANGANO & I TAMBURELLISTI DI TORREPADULI INSIEME PER UN GRANDE TOUR . LUNEDI 24 GIUGNO - SAN GIOVANNI ROTONDO ( foggia) Festa Patronale Piazza Europa ore 21,30

L'immagine può contenere: 1 persona, sul palco e testo

MANGANO & I TAMBURELLISTI DI TORREPADULI INSIEME PER UN GRANDE TOUR .
LUNEDI 24 GIUGNO - SAN GIOVANNI ROTONDO ( foggia) Festa Patronale
Piazza Europa ore 21,30
Nell’occasione presenteremo l’ultimo lavoro discografico e video dal titolo “FUECU” il nuovo singolo dell’ultimo album “LA GRANDE PIZZICA”.il video è entrato nel blog della musica popolare italiana – folkmusicworld – è presente al 5° Concorso Nazionale dei migliori Videoclip Italiani Autoprodotti. https://youtu.be/TI9dlYhavC0.
Vi aspettiamo in tanti !!!!

domenica 2 giugno 2019

La Storia di Peschici

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

La Storia di Peschici
Il nome stesso Peschici è di origine slave, letteralmente "suolo sabbioso". 
Sabbia tipica e caratteristica ancora oggi della costa di Peschici.
Fino al X secolo si verificarono numeroso incursioni da parte dei Saraceni sulle coste garganiche.
Un famoso documento la Chartula offertionis in S. Maria di Devia del 1053 dichiara che nel XI secolo Peschici fu abitata da slavi, dove sono riportati alcuni nomi: Stane, Gypto, Malexha, Benckanego, Nescedragi, Lastaka, Milstrimiro, Gaidavito, Negazzai, Vittigrado e Striadrago.
La comunità slava riuscì a inserirsi nel sistema sociale e a continuare a tenere i rapporti con la popolazione locale e con i benedettini, testimonianza di ciò sono i rogiti e gli atti di una testimonianza.
Nel 1154 con il sistema feudale dei normanni, Peschici passo sotto la contea di Lesina; da questo momento passa da un feudo all’altro.
Successivamente, vent’anni dopo passò sotto il feudo di Monte Sant’Angelo che fu donato da Guglielmo II denominato il Buono alla moglie Giovanna d’Inghilterra. Sotto il dominio svevo Peschici trascorre anni duri e drammatici, caratterizzati dalle ferocie dispute tra il papato e l'impero. Diverse voci narrano che nel settembre del 1239, venticinque galee veneziane mandate da Papa Gregorio IX contro Federico, distrussero Peschici e la vicina Vieste. Successivamente le città furono ricostruite.
Nel 1274 passata sotto gli Angioini partecipa a varie campagne, tra le quali l'assedio di Almissa, città della costa Dalmata.
Negli anni seguenti, nel 1401 il potere del feudo passa al re Ladislao di Durazzo.
Nel 1458 durante il dominio Aragonese, il popolo garganico appoggiarono i baroni contro il nuovo re Alfonso, che nel 1462 occupò il Gargano che andò a Giorgio Skanderberg, alleato del sovrano spagnolo.
Una delle città marinare che prevale in questo scenario è Venezia che controlla tutti i traffici verso l’Oriente e le coste dell’Adriatico, e che tra il 1469 e il 1586 in molte carte del tempo appartenenti alla città veneta compare il porto di Peschici.
Dopo la guerra franco-spagnola per il possesso del Regno di Napoli e le scorrerie dei Turchi, tra il 1554 e il 1567 Vieste e le Isole Tremiti furono attaccate e assediate, tutto ciò portò negli anni a seguire numerose torri di avvistamento su tutto il territorio del Gargano.
Tra queste le più importate nel territorio di Peschici, ricordiamo: Calalunga e Monte Pucci. Nel 1663 si verificò un periodo di siccità e un invasione di cavallette che provocarono tante morti da decimare la popolazione. Intorno all'700 la città passa sotto il dominio del Principe d'Ischitella Emanuele Pinto. Il territorio Garganico durante l’insurrezione antiborbonica fu alle prese con le vendite e le associazioni di carbone, e successivamente nel 1848 il poeta e scrittore peschiciano Giuseppe Libetta e uomo politico entrò nel Parlamento nato dalla Costituzione Sabauda.
Anni importanti sono tra il 1860 eil 1940 con l'avvento della strada circum garganica attuale S.S. 89, la ferrovia e la creazione dell'acquedotto Pugliese.
Nel periodo fascista aumenta l'emigrazione verso l'estero e le città del nord.
Negli ultimi anni invece una spinta decisiva per l'economia di Peschici è data dal turismo.
Fonte: peschicisole.it

giovedì 25 aprile 2019

Monte Sant'Angelo (Monte Gargano), la Magna Grecia, il Santuario e la Grotta dell'Arcangelo Michele.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto



Monte Sant'Angelo (Monte Gargano), la Magna Grecia, il Santuario e la Grotta dell'Arcangelo Michele.
La grande grotta di San Michele ha conosciuto, prima del culto verso l'Arcangelo, quello Pagano di Calcante, potente oracolo greco "con le ali", proprio come l'Arcangelo Michele, infatti molto spesso la Chiesa ha adoperato templi e luoghi pagani proponendoli per un culto che in qualche modo purificasse la profanazione precedente, anche perché in molti casi erano il mezzo più opportuno per far continuare ai fedeli, con spirito nuovo, pratiche rituali già in uso.
Si parla del Monte Gargano, (l'attuale Monte Sant'Angelo) e della sua grotta preistorica già nel IV secolo a.C, e sembra proprio che prima del culto cristiano di San Michele Arcangelo, vi sia stato quello pagano di Calcante, potente oracolo che i greci ritenevano apparisse a compiere prodigi.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Il culto a Calcante sul Gargano, e precisamente nella grotta dell'Angelo, e' dimostrabile da testimonianze degli scrittori greco-romani, come ad esempio quella di Strabene, uno scrittore greco (66 a.C. - 24 d.C.), che scrive : "Nel territorio della Daunia, presso il monte denominato Orione, si distinguono due basiliche, una sulla cima più elevata dedicata a Calcante, al quale coloro che sollecitano gli oracoli devono immolare un montone nero e dormire sulla relativa pelle distesa ; l'altra a Podalirio è situata nell'infima radice del Monte, ed è lontana dal mare circa cento stadi. Da quest'ultima nasce un fiumicello, le cui acque guariscono tutti i morbi del bestiame. Dinanzi a un golfo si stende verso oriente, avanzandosi nel mare per circa trecento stadi, questo promontorio che è chiamato Gargano.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Occorre scendere 89 gradini (ma si può utilizzare anche un comodo ascensore) per giungere nell'atrio antistante l'ingresso della grotta preistorica dell'Arcangelo, nella quale nel 490 d.C. fu edificato il santuario, con le prime apparizioni fatte risalire a qualche anno dopo.
In fondo alla grotta si trova una porta bronzea proveniente da Costantinopoli e raffigurante storie di angeli .
L'altare barocco del Santissimo sacramenti e quello della vergine si aggiungono al magnifico altare maggiore dominato dalla statua in marmo dell'Arcangelo.
Di straordinario effetto mistico e' la T di Tau dell'alfabeto greco, scavata in una nicchia, incisa direttamente da San Francesco nel 1216 durante un suo pellegrinaggio.
Si tratta di uno dei luoghi di culto dell'Arcangelo Michele più celebri al mondo, incastonato sul tracciato montuoso e sospeso sul mare sull'antica via sacra longobardorum.
Il Santuario di Monte Sant'Angelo e' iscritto alla Lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel giugno 2011.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

Lo conoscete il detto "Fuggi da Foggia"? Eccovi la poesia da cui nasce ...

Nessuna descrizione della foto disponibile.


Lo conoscete il detto "Fuggi da Foggia"? Eccovi la poesia da cui nasce ...
Nondarò è un fantasioso pseudonimo di un un avvocato napoletano, tal Giuseppe Adabbo; questi era redattore e comproprietario di un giornale pubblicato verso la fine dell’Ottocento, «La Follia», un piccolo foglio satirico che veniva pubblicato a Napoli verso il 1887, ma era distribuito anche a Foggia; Nondarò assiduo frequentatore della città dauna, scriveva anche per il foggiano «L’Ape», un pungente foglio carico di ironia. 
Nel numero che vide la luce il 19 giugno del 1887, in seconda pagina, il nostro Nondarò pubblicò una sua curiosa poesia: «Fuggi da Foggia», dedicandola al suo amico foggiano Francesco Parisi. Il testo è una piccola descrizione della città in chiave satirica, che, seppur definita bella, perché ricca di belle strade ed edifici e di belle ragazze, a causa del forte caldo suggerisce la fuga.
(La "leccatina" al neonato regno non sfugge ...)
Grazie a Giuann E Avast Macchione per la segnalazione
-Dà-
fonte http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_traduci_notizia.php?IDNotizia=557700&IDCategotia=11
 —
tratto da Briganti

GARGANO (Felice Lionetti) PASTA NERA JAZZ PROJECT


PASTA NERA JAZZ PROJECT: Antonio Pizzarelli (Clarinetto), Felice Lionetti (Pianoforte, Compositore e Arrangiatore), Giovanni Mastrangelo (Contrabbasso), Antonio Cicoria (Batteria), Coro Pasta Nera con la partecipazione di Mary Grace (Voce). Registrato presso il CLAB studios ingegnere del suono Angelo De Cosimo. Foggia 11.09.2018

domenica 21 aprile 2019