giovedì 15 marzo 2018

Vico del Gargano il paese dell'amore


Le Grotte Marine e la costa garganica


martedì 13 marzo 2018

Foggia Birra EBERS‎ Settimana della birra artigianale con Ebers

L'immagine può contenere: sMS

Settimana della birra artigianale con Ebers

Pubblico
 · Organizzato da Birra EBERS e Birra del Gargano

🍻🍻🍻 - PORTE APERTE al birrificio Ebers! - 🍻🍻🍻

➡️ // Da lunedì 12 a sabato 17 marzo
dalle ore 19:00 alle ore 21:00
Via Carlo Ciampitti 81, 71121 Foggia //

In occasione della Settimana della Birra Artigianale abbiamo spalancato le porte del birrificio per festeggiare la birra artigianale in vostra compagnia 💛

Vi aspettiamo ogni sera al birrificio per fare il carico di luppoli e chi vorrà potrà acquistare le nostre birre a prezzi speciali!

🗓 ALTRI APPUNTAMENTI 
potete partecipare ai nostri eventi locali dedicati alla presentazione delle birre stagionali, durante i quali vi racconteremo la storia di Birra del Gargano~ Collaboration Brewing Project ~ con Vincenzo Ottaviano del Ristorante Al Trabucco da Mimì:

➡️ Giovedì 15 Marzo ore 19:00 da Amarillo 34 - Beershop a Foggia, ospiti del mitico Edoardo, vero profeta in tema di birra;

➡️ Venerdi 16 Marzo ci teletrasportiamo dagli amici de La confraternita dell'uva // Libreria - Cafè - Wine Bar a Bologna, per L'aperitivo con "Bianca del Gargano";

➡️ Sabato 17 Marzo ore 21:00 a La Tasca Di Apricena per un super aperitivo, ospiti di Giovanna Pirro e Billy Barattolo!

A tutta birra!

sabato 3 marzo 2018

Fogia cur me fugis cum te fecit mea manus

Cosa c’è di più fallimentare dell’ abbandono, dell’ incuria, del menefreghismo verso il nostro passato, verso le tracce che riemergono e che riportano a ciò che fummo e che ci ha resi tali ?
Foggia è una città martoriata, colpita al cuore dalla natura e dalla cattiveria umana; il terremoto del 1731 distrusse un terzo delle abitazioni e gran parte del suo patrimonio artistico e culturale; durante la Seconda Guerra Mondiale Foggia poi, venne presa di mira dai bombardamenti che rasero al suolo gran parte delle abitazioni e causarono più di 20000 vittime. In seguito alla distruzione bellica, la città venne ricostruita secondo uno stile fascista, di palazzoni addossati.
Eppure, tra quelle ricostruzioni “moderne”, il passato cerca di mostrarsi, di lasciar viva la memoria delle bellezze che furono, con il Duomo o i resti del cosiddetto Arco di Federico II. Già, i resti … un portale alto 7,38 metri e largo 3,20 metri,  costituito da un arco finemente scolpito: “Hoc fieri iussit Federicus Cesar ut urbs sit Fogia regalis sede inclita imp(er)ialis” (Ciò comandò Federico Cesare che fosse fatto affinché la città di Foggia divenisse reale e inclita sede imperiale). Questa la scritta che troneggia sull’ Arco. Perché Federico II, lo Stupor Mundi, scelse Foggia come sede imperiale e centro strategico del suo vasto impero, e dietro i resti di quel portale vi era un magnifico palazzo dotato, presumibilmente, di giardini, fontane, sculture, con interni costituiti da ampi saloni rivestiti di marmi preziosi e ancora  scuderie, magazzini e stalle.
Ma un altro passato della Capitanata cerca di venir fuori, ovvero quelle tracce dell’ antica Daunia che  spingono per ricevere i giusti fasti. Resti Neolitici di villaggi risalenti al VI millennio a.C. presso Passo di Corvo oppure la Necropoli o la Tomba della Medusa nei siti archeologici di Arpi, risalenti al III millennio a.C..
Nello specifico, l’ Ipogeo della Medusa è uno dei più straordinari monumenti di Arpi e della Daunia ma, parimenti, è anche il simbolo del fallimento della tutela e della valorizzazione del patrimonio dei beni culturali. La scoperta del sito si deve al ritrovamento  in quella zona della testa di Medusa (oggi custodita nel museo civico di Foggia, sottratta ai tombaroli). Quando l’ archeologa foggiana Marina Mazzei assunse  la carica di ispettore archeologo nel 1985 trovò un sito depredato dagli sciacalli, che lo denudarono dei suoi gioielli, distruggendo addirittura la copertura del vestibolo con un escavatore meccanico e riuscendo a trafugare il frontone con la raffigurazione della Medusa e i capitelli figurati.
La Tomba della Medusa e sito archeologico Arpi era ed è interrata a più di 5 metri dal piano di calpestio, era una tomba funeraria del tipo ipogeico, con un dromos a scivolo che permetteva l’ingresso ai familiari dei defunti. Una tomba abbellita da decorazioni pittoriche di notevole valore artistico. I primi lavori di scavo e di recupero iniziarono nel 1989, poi nel 1998 la Regione Puglia stanziò 3 miliardi di lire, cui si aggiunse un contributo di 555 milioni del Comune. Nonostante questi finanziamenti, i lavori restarono bloccati per anni a causa di una serie infinita di pratiche burocratiche. Si arrivò così alla sospensione dei lavori nel luglio 2002. Poi altri anni di stasi e altri finanziamenti di oltre un milione e mezzo di euro per Medusa, grazie ad un Accordo di Programma tra Regione Puglia e Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Ma nonostante tutto il sito ha continuato ad esistere nello squallore generale  dell’ abbandono e dell’ incuria e soprattutto dell’ indifferenza. È vero, la Tomba di Medusa è stata ricostruita magistralmente nel Museo Civico di Foggia, e colpiscono molto  i suoi colori, il pregio delle finiture, e quella testa di 2.400 anni fa che guarda accecando con la sua cultura preellenica. Però, il sito vero, oggi è ben visibile solo a chi percorre  l’A14 a nord di Foggia, a metà strada con San Severo, dove spicca l’ ipogeo privo di copertura,  diventato  una specie di imbuto che raccoglie le acque piovane.
Lì ad Arpi sarebbe dovuto sorgere un parco con tanto di ristoro, ma nulla è stato consegnato. E oggi  gli sciacalli rompono le recinzioni e le vetrate, le colonne di cemento vivono il loro lento disfacimento nell’ involucro di plastica, i mosaici e le decorazioni pittoriche sulle pareti sono quasi completamente compromessi. E come paradosso dei paradossi, la tomba è divenuta il suo stesso loculo.
Oggi, ciò che potrebbe raccontarci della ricca città di Arpi, non è fruibile a nessuno. Oltre che per il suo valore storico inestimabile, il sito archeologico potrebbe essere il futuro del posto, attraendo turismo e divenendo, dunque, vettore economico grazie all’ indotto e al potenziale occupazionale. La Capitanata può vantare il più ampio bacino archeologico di Puglia, ma si fa sfuggire l’occasione di sfruttarne appieno le potenzialità .
Eberhard Horst scrive “Le Puglie e la Capitanata di oggi riescono a dare solo un’immagine molto sbiadita della bucolica bellezza di un tempo: disboscate le foreste, inariditi i fiumi, prosciugati i molti laghi, … la maggior parte delle turrite colline, una volta ricche di boschi, oggi sono squallide o ricoperte di arida sterpaglia. Laddove branchi di cervi e caprioli si alternavano a orsi e cinghiali, ora soltanto frugali pecore e capre trovano pastura. Foggia e Lucera erano circondate da fitte foreste di latifoglie, querce, faggi, frassini, olmi”.
Ma a noi ciò che fummo non importa. Agli olmi e alle querce preferiamo le sterpaglie. Quelle alte e fitte. Che vadano a ricoprire la vergogna dell’ abbandono permesso da noi stessi.
fonte http://briganti.info/fogia-cur-me-fugis-cum-te-fecit-mea-manus/

mercoledì 28 febbraio 2018

SALVIAMO MASSERIA PANTANO


 La Masseria sta cadendo a pezzi...è ora di intervenire subito!


Chiedo di ripristinare e rendere visibile ai cittadini che vorranno visitare quello che resta di un sito storico (epoca 1200-1250ca) di epoca Federiciana ovvero Masseria Pantano eretta dall'Imperatore Federico II di Svevia, renderla patrimonio della collettività e testimonianza dell' amore avuto da Federico II per la nostra terra ridotta oggi a un rudere. Le firme che verranno raccolte saranno poi inviate agli enti preposti per la salvaguardia di questo sito storico.
Fabrizio de Lillo
https://www.change.org/p/popolazione-di-foggia-e-non-solo-salviamo-masseria-pantano?recruiter=723621458&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_for_starters_page

Anche Monte S'Angelo (Foggia) tra i 20 paesi più belli d'Italia del 2017

I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Monte Sant'Angelo
Quali sono i paesi più belli d'Italia? Antichissimi borghi medievali, castelli arroccati su speroni rocciosi, casette bianche abbracciate da boschi segreti e panorami mozzafiato su paradisi naturali: ecco la lista delle 20 città italiane più belle stilata da Skyscanner per il 2017!

Ogni Regione d’Italia è unica, e ognuno di questi stupendi paesi lo è ancora di più. Scoprite i monumenti e le testimonianze di epoche lontane, avventuratevi per le viuzze di pietra, affacciatevi dai balconi fioriti e fate scorta di bellezza in questi luoghi magici dove il tempo sembra essersi fermato. E poi... fateci sapere il vostro paese d'Italia preferito, oppure segnalateci quelli che secondo voi mancano in questa lista delle 20 città più belle, lasciando un commento in fondo a questo articolo. Alcuni dei paesi che ci avete consigliato l'anno scorso li abbiamo eletti a più belli d'Italia per il 2017!


I 20 paesi più belli d'Italia per il 2017

1. Courmayeur (AO) - Valle d'Aosta

Il meraviglioso Monte Bianco è il protagonista indiscusso a Courmayeur. Il massiccio più alto d’Europa domina la deliziosa località valdostana, bianca d’inverno con i suoi 100 chilometri di piste innevate, verde d'estate con i suoi percorsi di trekking in Val Veny e Val Ferret. Salite a bordo delle cabine rotanti della funivia SkyWay, riempitevi gli occhi con la vista delle Alpi, esplorate il giardino botanico e poi scendete a valle per un giro di shopping nella vivace Via Roma. Prima di tornare a casa, fate un bagno benefico alle Terme di Pré-Saint Didier.
Aeroporto più vicino: Torino Caselle (150 km), Milano Malpensa (200 km), Milano Linate (230 km) e Ginevra (115 km).
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Courmayeur

2. Orta San Giulio (NO) - Piemonte

Orta San Giulio è uno dei Borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, una gemma che sorge sulla sponda orientale del Lago d’Orta e che regala scorci unici, a cominciare da quello che si gode da Piazza Motta: la vista dell'Isola di San Giulio. Raggiungibile con pochi minuti di battello, l'isoletta vi aspetta con la sua basilica romana svettante verso il cielo e un'atmosfera mistica unica in tutto il Piemonte. Qui troverete strade chiuse al traffico, portici antichi, freschi ippocastani e un'ottima cucina a base di riso e vino.
Aeroporto più vicino: Milano Malpensa (50 km) e Torino Caselle (130 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Orta San Giulio

3. Portovenere (SP) - Liguria

Incastonata nel meraviglioso Golfo dei Poeti, chiamato così in onore a Byron e mille altri artisti innamorati di questa terra, Portovenere lascia senza fiato con la sua “palazzata a mare”, una fila di strette case colorate allineate sul blu. Il borgo, tra i più romantici d'Italia, vi aspetta con il Castello Doria, le torri d'avvistamento e le grotte marine, visitabili con interessanti escursioni in barca. Ma la sua attrattiva maggiore, quella che tutti notano con grande stupore, è la favolosa Chiesa di San Pietro, adagiata come per magia sul promontorio roccioso dell’abitato.
Aeroporto più vicino: Pisa San Giusto (85 km) e Genova Sestri (110 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Portovenere

4. Varenna (LC) - Lombardia

Proprio quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno... custodisce uno tra i 20 paesi più belli d'Italia a nostro giudizio, Varenna, un piccolo borgo di pescatori a pochi minuti da Lecco. Il paese incanta con il suo centro storico che scende verso il lungolago con viuzze e scalinate pittoresche degne del più bel romanzo d'amore. E a proposito di amore, qui si trova la passeggiata degli innamorati, una passerella sospesa sull'acqua che porta fino all’imbarcadero. Riempitevi gli occhi di magia puntando lo sguardo in alto, sul Castello di Vezio.
Aeroporto più vicino: Bergamo Orio al Serio (60 km), Milano Malpensa (95 km), Milano Linate (80 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Varenna

5. Bressanone (BZ) - Trentino-Alto Adige

Zelten con canditi e abeti decorati non sono gli unici motivi che vi spingeranno a visitare Bressanone. Il suo mercatino di Natale è tra i più suggestivi in Europa, ma ecco, questo paese dell'Alto Adige sa regalare molto di più in ogni stagione dell'anno. Dopotutto questo il più antico borgo del Tirolo, con la Piazza del Duomo dai gialli campanili svettanti verso il cielo, l'imponente cattedrale ricca di decorazioni barocche, le pittoresche strade dal fascino medievale, i portici magici e l'opulenta Abbazia di Novacella, dove si produce dell'ottimo Sylvaner.
Aeroporto più vicino: Innsbruck Kranebitten (80 km), Verona (200 km)


I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Bressanone
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Bressanone

6. Battaglia Terme (PD) - Veneto

I sinuosi Colli Euganei circondano Battaglia Terme come in un dolce abbraccio, mentre canali e sentieri idrici ne disegnano i confini. Battaglia Terme è il più piccolo comune della provincia di Padova, un paese pittoresco che è nato dall'acqua e continua a sopravvivere grazie al suo benefico influsso: qui le terme sono le protagoniste indiscusse, e attirano tantissimi viaggiatori da tutto il mondo. E poi c'è un magnifico maniero cinquecentesco, il Castello del Catajo, con boschi, fontane e daini, e la sofisticata Villa Selvatico sul Colle di Sant'Elena.
Aeroporto più vicino: Venezia Marco Polo (60 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Battaglia Terme

7. Fagagna (UD) - Friuli-Venezia Giulia

La vita rurale si fonde con quella castellana in quel di Fagagna, uno dei Borghi più belli d'Italia. Un paese dove volano le cicogne dell’Oasi del Quadris e dove la tradizione del merletto si scopre all'interno del Museo della Vita Contadina di Cjase Cocél e si unisce a quella del "formaggio di Fagagna", assolutamente da provare. Artigianato, gastronomia e... folklore, con la Corsa degli Asini, che ogni prima domenica di settembre dal 1861 anima di allegria le vie di questo borghetto dominato dai merli austeri del castello.
Aeroporto più vicino: Trieste Ronchi dei Legionari (45 km), Treviso A. Canova (85 km) e Venezia Marco Polo (90 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Fagagna

8. San Leo (RN) - Emilia-Romagna

La provincia di Rimini non nasconde un gioiello tra terra e cielo e lo mostra, fiera, proprio lungo l'autostrada A14. Qui, lungo il percorso, ecco che spunta la piccola ma curiosa sagoma di un città fortificata: quella è San Leo, che compare al seguito della più arguta dirimpettaia San Marino. Il favoloso borgo medievale, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, vanta una fortezza millenaria che resta ancorata come per miracolo ad un alto sperone di 600 metri. La Rocca di San Leo ricorda le antiche contese tra i Montefeltro e i Malatesta.
Aeroporto più vicino: Rimini F. Fellini (40 km), Ancona Falconara (125 km)


I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: San Leo

9. Radda in Chianti (SI) - Toscana

Ancora un altro borgo medievale per la nostra classifica dei paesi più belli d'Italia. Questa volta ci troviamo nelle raffinate campagne della Toscana, a Radda in Chianti, un paese appollaiato sul colle che divide le valli di Arbia e Pesa, custodito da possenti mura difensive. La sua posizione strategica ha accresciuto la sua importanza nella storia e anche se adesso non rappresenta più un cruciale crocevia ci piace visitarlo perché riempie l'anima di charme... puramente toscano. Provate le specialità locali e degustate calici del miglior rosso!
Aeroporto più vicino: Firenze Peretola (90 km) e Pisa San Giusto (175 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Radda in Chianti

10. Castelluccio di Norcia (PG) - Umbria

Nel cuore dei Monti Sibillini c'è un piccolo paradiso terrestre che prende il nome di Castelluccio di Norcia. Un luogo la cui bellezza non è stata scalfitta dal recente terremoto, e che continua ad accogliere i turisti amanti della natura. Una bellezza che esplode soprattutto nel periodo della fioritura della lenticchia, solitamente le prime settimane di luglio, con l'altopiano che si trasforma in uno spettacolo di colori e profumi. Il borgo domina la piana delle meraviglie e vi aspetta con i suoi eremi incastonati nelle rocce e un centro storico... che profuma di tartufo.
Aeroporto più vicino: Perugia Sant'Egidio (115 km) e Roma Fiumicino Leonardo da Vinci (220 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Castelluccio di Norcia

11. Urbino (PU) - Marche

Talmente a misura d'uomo, perfetta nelle proporzioni e sofisticata in ogni aspetto, da essere definita città ideale nel periodo rinascimentale. Ecco a voi Urbino, il piccolo grande tesoro del Duca Federico da Montefeltro. Il suo centro storico, infatti, non ha nulla da invidiare alle grandi città d'arte italiane: il Duomo di Urbino, la Chiesa di San Bernardino e l’Oratorio San Giovanni sapranno stupirvi perché rappresentano l’espressione di artisti e pittori tra i più rinomati dell’epoca. Tra l'altro è anche sede della Galleria Nazionale delle Marche.
Aeroporto più vicino: Rimini F. Fellini (55 km), Ancona R. Sanzio (90 km), Forlì R. Ridolfi (115 km), Bologna G. Marconi (175 km)


I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Urbino

12. Civitella del Tronto (TE) - Abruzzo

La sua massiccia rupe di travertino riempie lo sguardo: Civitella del Tronto è appollaiata su questo alto promontorio famoso per una Fortezza tra le più grandi e maestose d’Europa. Bastioni, camminamenti e piazze d'armi per ben 25mila metri quadrati di estensione fanno del suo borgo uno dei più belli d'Abruzzo. Inoltre, qui si trova la “ruetta”, la via più stretta d'Italia, e il Nact, il Museo Delle Arti Creative Tessili. Dopo una giornata di visite concedetevi un calice di Montepulciano d’Abruzzo accompagnato da un succulento “filetto alla Borbonica”.
Aeroporto più vicino: Pescara Aeroporto Internazionale d'Abruzzo (80 km) e Roma Fiumicino Leonardo da Vinci (220 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Civitella del Tronto

13. Arpino (FR) - Lazio

Tra il corso del fiume Liri e quello del fiume Melfa ecco che compare Arpino, un incredibile borgo nel cuore della Ciociaria. Autentica e verace, questa terra di grandi bellezze paesaggistiche e bontà gastronomiche ha dato i natali al grande oratore Cicerone, e qui infatti si svolge ogni anno il Certamen Ciceronianum Arpinas, la gara internazionale di latino in cui gareggiano i liceali di tutto mondo, i migliori in materia. A colpire l’occhio, la distesa delle case dell’abitato che si stagliano sull’alto colle, circondato da verdi boschi e oliveti secolari. A poca distanza, la signorile città di Sora, con la bellissima Madonna delle Grazie arroccata sulla collina che domina la cittadina volsca, e Isola del Liri, unica con la sua maestosa cascata nel cuore del centro abitato.
Aeroporto più vicino: Roma Fiumicino (140 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Arpino

14. Pisciotta (SA) - Campania

Mare cristallino, natura incontaminata, paesaggi a perdita d'occhio fanno di Pisciotta uno dei paesi più belli d'Italia – del Sud d'Italia, quello soleggiato e accogliente del Cilento. Sospesa tra lidi e monti, la cittadina a sud di Salerno è un borgo medievale di grande fascino disseminato di casette in pietra e stretti vicoli tortuosi. Percorrete "La Chiusa" e arrivate a Marina di Pisciotta, caratterizzata da meravigliose spiagge in stile caraibico con la sabbia bianca e l'acqua cristallina, inserite nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano.
Aeroporto più vicino: Napoli Capodichino (150 km)


I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Pisciotta

15. Torella del Sannio (CB) - Molise

Se capitate a Torella del Sannio il 16 agosto avrete l'opportunità di assaggiare un piatto tipico molto particolare di cui non avrete mai sentito parlare, una pietanza a base di pasta, vino, zucchero e peperoncino. In questo giorno si svolge, infatti, la Sagra dello Scattone, un antipasto davvero unico! Come unica è la forma di questo borghetto molisano, i cui confini disegnano la sagoma di una colomba! Passeggiate nel suo centro storico nato dagli sforzi di Longobardi ed Aragonesi, visitate il castello, la chiesa e i vicoli, costellati da antiche casette medievali.
Aeroporto più vicino: Napoli Capodichino (150 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Torella del Sannio

16. Monte Sant'Angelo (FG) - Puglia

C'è una città bianca, un maniero maestoso e una storia misteriosa. E poi c'è tutta l'atmosfera mediterranea e contadina al tempo stesso della provincia di Foggia. Benvenuti a Monte Sant'Angelo, un paese medievale dalle mille leggende, una su tutte quella dell'Arcangelo Michele che pare sia apparso qui in una grotta e abbia parlato alle genti longobarde che si erano stabilite in questo territorio del Gargano. Ecco che da allora sorge il Santuario di San Michele Arcangelo, meta di pellegrinaggi da secoli. Una capatina al Castello Sant'Angelo è d'obbligo!
Aeroporto più vicino: Bari Palese (140 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Monte Sant'Angelo

17. Rivello (PZ) - Basilicata

Questa è la Basilicata che non ti aspetti. Ci troviamo a Rivello un paesino di una bellezza disarmante posto a dominio della Valle del Noce e del Monte Sirino. Qui, sui crinali dei colli Motta, Serra e Poggio, ecco un borgo antico fatto di palazzi nobiliari, edifici sacri, viuzze e scalinate che salgono e scendono in grande armonia. Esplorate i suoi cunicoli e palazzi come il Megale, poi perdetevi tra i sapori locali, semplici e genuini, fatti di paste come “laghenelle” e “cavatiell’” e carni come i “ghiummariell’”, involtini di interiora di agnello o capretto.
Aeroporto più vicino: Napoli Capodichino (185 km), Lamezia Terme Sant'Eufemia (200 km)


I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Rivello

18. Papasidero (CS) - Calabria

Una manciata di casette color sabbia spunta tra i boschi accesi del Monte Ciagola. Papasidero è un paese che si fa notare, nonostante si trovi nella Calabria più segreta, quella della riserva naturale orientata della Valle del Fiume Lao. Un nome bizzarro il suo, che evidentemente proviene dal greco: infatti, in molti sostengono sia sorto sull'antica città di Skidros. Ma la sua è una storia che affonda le radici ancora più in là, nella lontanissima Preistoria, e la Grotta del Romito, scoperta a fine anni Novanta, ne è testimonianza: è fra le maggiori espressioni dell'arte rupestre del Paleolitico in Italia.
Aeroporto più vicino: Lamezia Terme Sant'Eufemia (175 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Papasidero

19. Scicli (RG) - Sicilia

In questo fazzoletto di Sicilia, immerso tra i magnifici Monti Iblei, respirerete il Barocco più incredibile d'Italia. Ci troviamo a Scicli, un borgo del ragusano costellato di palme verdi, facciate decorate, chiese dorate e ville patrizie. Questo è uno dei paesi più belli d'Italia, dove il tempo sembra essersi fermato: perdetevi tra le sue bianche vie, dove storia e arte si prendono per mano, entrate nella Chiesa di Santa Maria la Nova, la più antica della città, e poi seguite le orme del famoso commissario Montalbano: qui è stata girata la serie televisiva!
Aeroporto più vicino: Catania Fontanarossa (125 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Scicli

20. Posada (NU) - Sardegna

Concludiamo il nostro articolo sui 20 paesi più belli d'Italia in Sardegna, precisamente in Baronìa, nella parte nord-orientale dell'isola. Qui si trova un borgo arroccato su una rupe calcarea, inserito in un contesto quasi surreale, tra le rovine di un castello e le acque cristalli di un mare che ricorda quello dei Tropici. Benvenuti a Posada, un paese nato dalle ceneri di una colonia cartaginese che oggi si presenta però con una veste tutta medievale. Prima di andare via ricordatevi di piantare l'ombrellone sulla spiaggia di Su Tiriarzu... magnifica!
Aeroporto più vicino: Olbia Costa Smeralda (45 km)
I 20 paesi più belli d'Italia del 2017: Posada

Per la stesura di questa bellissima lista sono stati presi in considerazione i paesi italiani con una popolazione inferiore ai 35mila abitanti, che avessero un borgo ben conservato, e che esprimessero nel migliore dei modi le caratteristiche architettoniche e del paesaggio della propria Regione. Abbiamo anche tenuto conto di tutti i commenti lasciati dai nostri utenti, includendo alcune delle bellissime destinazioni suggerite da loro nella lista finale dei Paesi più belli d’Italia per il 2017.

La Classifica dei 20 paesi più belli d'Italia 2017

Le 20 città più belle d'Italia secondo la classifica di Skyscanner

PaeseProvinciaRegione
CourmayeurAostaValle d'Aosta
Orta San GiulioNovaraPiemonte
PortovenereLa SpeziaLiguria
VarennaLeccoLombardia
BressanoneBolzanoTrentino-Alto Adige
Battaglia TermePadovaVeneto
FagagnaUdineFriuli-Venezia Giulia
San LeoRiminiEmilia-Romagna
Radda in ChiantiSienaToscana
Castelluccio di NorciaPerugiaUmbria
UrbinoPesaro UrbinoMarche
Civitella del TrontoTeramoAbruzzo
ArpinoFrosinoneLazio
PisciottaSalernoCampania
Torella del SannioCampobassoMolise
Monte Sant'AngeloFoggiaPuglia
RivelloPotenzaBasilicata
PapasideroCosenzaCalabria
ScicliRagusaSicilia
PosadaNuoroSardegna

fonte https://www.skyscanner.it/notizie/le-20-citta-piu-belle-ditalia-2017?associateid=SOC_FCB_00345_00009&utm_source=facebook&utm_medium=social&utm_campaign=it-article&utm_content=most+beautiful+cities+italy+2017